Il modulo viene caricato

Le vittime delle catastrofi dimenticate

Ignorate dall’opinione pubblica mondiale, innumerevoli persone in tanti paesi del mondo soffrono le conseguenze della povertà, della violenza, dei cambiamenti climatici, delle epidemie e della siccità.

Un aiuto per chi soffre

La CRS si adopera per i diseredati nelle regioni più povere del mondo e rimane sul posto finché c'è bisogno di aiuto. Là, dove manca l’acqua potabile. Là, dove i bambini muoiono a causa di malattie curabili. Là, dove il centro sanitario più vicino è troppo distante. Là, dove per ricostruire ci vogliono competenze e materiale.

Lo sapevate?

125 millioni

125 millioni

Oltre 125 milioni di persone nel mondo necessitano urgentemente di aiuti umanitari.

30

30

La CRS offre sostegno agli abitanti di 30 paesi.

Aiutate le vittime delle catastrofi dimenticate

Il divario tra Nord e Sud, tra ricchi e poveri non fa che accentuarsi. Le malattie infettive come la tubercolosi, la malaria e l’HIV/Aids costituiscono una minaccia per innumerevoli persone nell’emisfero sud del mondo e ogni anno causano la morte di quattro milioni di persone. Povertà e carestie hanno gravi conseguenze sulla salute, basti pensare che nel mondo un bambino su quattro soffre di denutrizione cronica.

Ogni anno oltre 300 000 donne muoiono durante la gravidanza o il parto. Migliorare le condizioni di vita delle donne nelle zone rurali significa contribuire direttamente al benessere di tutta la famiglia e, di conseguenza, dell'intera comunità.

La CRS è impegnata a lungo termine in paesi dell’Africa, dell’Asia, dell’America Latina e dell’Europa dell’Est. Al centro delle sue attività all’estero figura la promozione della salute delle fasce della popolazione particolarmente vulnerabili, soprattutto donne e bambini. A tal fine la CRS sostiene le organizzazioni vicine alla popolazione, promuovendo le loro iniziative per prevenire la diffusione di malattie.

La vostra donazione ci consente di continuare a prestare l’aiuto necessario. Sostenete anche voi chi ha bisogno e donate la speranza. Grazie!