Il modulo viene caricato

Inondazioni in Asia: La CRS rafforza gli aiuti di emergenza per le vittime del monsone in Bangladesh

Forti piogge monsoniche si sono abbattute sul Bangladesh causando gravi inondazioni. Colpiti oltre 5 milioni di abitanti. Il team della CRS in missione nel nord del Paese presta aiuti d’emergenza a 2000 famiglie che si trovano in condizioni estremamente precarie e sostiene la ricostruzione delle infrastrutture danneggiate.

Le violente piogge monsoniche delle scorse settimane hanno duramente colpito il distretto di Gaibandha. È una regione in cui la Croce Rossa Svizzera (CRS) porta avanti diversi progetti a lungo termine, e nella quale ha intensificato la sua presenza e messo in atto misure di soccorso. In questa zona e nel vicino distretto di Sirajganj la CRS fornisce sostegno economico a circa 10 000 abitanti, che impiegano il denaro ricevuto per riparare le loro modeste abitazioni, per acquistare beni alimentari e medicinali nonché per coprire le spese di trasporto. La CRS si occupa inoltre di ricostruire impianti sanitari danneggiati e di disinfettare gli impianti d’acqua potabile contaminati. È inoltre impegnata a rimettere in funzione gli ambulatori medici in due distretti e a distribuire sementi per garantire una fonte di sussistenza alla popolazione colpita.

Le inondazioni nei distretti settentrionali hanno gravemente danneggiato molti ettari di raccolto e ucciso capi di bestiame. Nella regione la sicurezza alimentare sul lungo periodo è a rischio, in molte zone si registra una penuria di beni alimentari e acqua potabile. Il rischio di diffusione di malattie è inoltre particolarmente elevato.

Misure di prevenzione nel campo profughi

La CRS segue l’evoluzione della situazione anche nei vicini Nepal e India e nel campo profughi di Cox’s Bazar, nel sud del Bangladesh. Qui le abbondanti piogge hanno già provocato una serie di smottamenti che hanno distrutto o danneggiato più di 1800 alloggi. Sul posto il team di intervento della Mezzaluna Rossa del Bangladesh distribuisce beni di soccorso fra cui teloni, corde e utensili per rinforzare i modesti ripari nonché materassini e altri prodotti di primaria necessità.

Fornire alle famiglie a rischio i beni di soccorso in tempo è essenziale se vogliamo evitare una catastrofe ancora peggiore,

ha dichiarato il responsabile della missione della Mezzaluna Rossa, riferendosi alle piogge previste per i prossimi giorni.